Home

Ultimo aggiornamento (Giovedì 22 Settembre 2016 17:19)

 

Difetti in aspirazione e il motore va in recovery

Pubblicato il 1 agosto 2016 da Mirko

C’erano una volta aria e gasolio…e l’automobile andava.

Oramai da tempo, i sistemi di controllo e trattamento dei gas di scarico rivestono un ruolo di primo rilievo nella gestione elettronica del motore diesel. La complessità dei sistemi d’iniezione ha raggiunto livelli tali che il tasso d’inquinamento di un moderno motore diesel è pari ad una piccolissima frazione di quello che poteva riguardare un vecchio motore a precamera.

In virtù di ciò, in fase diagnostica il tecnico deve essere consapevole di quanto possa essere complesso e articolato un problema segnalato da una spia MIL che si accende.

I componenti che sono più frequentemente coinvolti in una problematica ad un moderno motore diesel, sono quelli legati ai sistemi di aspirazione, scarico e iniezione. Volendone citare alcuni: valvola EGR, DPF, corpo farfallato, pompa di alta pressione, iniettori ecc…

Non è però occasionale l’accensione di una spia MIL contestualmente al perfetto funzionamento dei componenti elettromeccanici del sistema di gestione motore.

Sapere interpretare un codice guasto è divenuta un’arte. Risalire all’origine del problema, partendo da un codice guasto, è un’abilità che rende un tecnico diagnostico più performante rispetto ad un altro. Questi deve essere in grado di richiamare a mente, partendo da un codice e/o da un sintomo, tutte le cause dirette ed indirette suscettibili di sfociare nel guasto o sintomo iniziale.

La leggerezza più “leggera” che si può commettere è affidarsi ciecamente ad un codice guasto e sostituire il componente menzionato.

Ne è un esempio lampante la casistica che qui presentiamo, piuttosto comune a tutte le motorizzazioni simili, indipendentemente dal veicolo.

Vettura:

 

NISSAN JUKE 1.5 dCi

Potenza 81 kW

Tipo motore K9K636

Km 47.620
Data di immatricolazione Febbraio 2012

Normativa EURO 5

Nissan Juke 1.5 dCi motore K9K EURO 5

Nissan Juke 1.5 dCi motore K9K EURO 5

In corrispondenza dell’accensione della spia MIL la vettura manifesta perdita di potenza, recovery e nei casi peggiori fumosità allo scarico.

I codici guasto relativi al problema afferiscono ai sistemi di sovralimentazione e di post-trattamento dei gas di scarico. E sono i seguenti:

 

P2263 Circuito sovralimentazione

P2002 Efficacia filtro antiparticolato inferiore alla soglia

 

In prima istanza il tecnico meno esperto sarebbe tentato di operare nei modi più disparati, dal sostituire semplicemente il sensore di pressione turbo, passando attraverso la sostituzione dell’elettrovalvola pneumatica di gestione della geometria variabile, fino ad arrivare ad un’esclusione fisica e software del filtro DPF. Tutto inutile.

Capire i codici guasto significa mettersi nei panni della centralina motore e capire quali cause, meccaniche, elettriche o di software, possano originare certi codici guasto. E molto spesso la causa è nascosta, come nel caso che qui riportiamo.

I codici guasto di cui sopra, e gli stessi sintomi menzionati, erano stati originati da un fessurazione del manicotto in plastica posto all’ingresso del corpo farfallato.

Manicotto fessurato su Nissan Juke 1.5 dCi motore K9K EURO 5. Dettaglio

Manicotto fessurato su Nissan Juke 1.5 dCi motore K9K EURO 5. Dettaglio

In che modo questo guasto ha potuto riflettersi nei codici e sintomi di cui sopra? Vediamo.

La (poca) sovralimentazione generata dal turbo sfiata dal taglio sul manicotto, che inevitabilmente, tra le altre cose, tenderà sempre più ad allargarsi sottoposto alla pressione. La poca potenza generata comporterà un regime di rotazione del turbo non all’altezza e verrà compensata da una correzione dei tempi d’iniezione, unitamente al fatto che una parte dell’aria misurata dal massa aria andrà a perdersi attraverso il taglio. Di qui la fumosità allo scarico.

Per quanto riguarda il codice relativo al DPF, questo non sempre si manifesta; quando la vettura marcia per tanto tempo nelle condizioni di cui sopra, la scarsa potenza generata dal motore impedirà la rigenerazione spontanea causando così un intasamento del filtro stesso.

FONTE : www.riparando.it

Ultimo aggiornamento (Venerdì 02 Settembre 2016 17:28)

 

Ultimo aggiornamento (Giovedì 22 Settembre 2016 13:51)

 

E' arrivato un altro mese di Agosto , ricco di emozioni e la possibilità di passare qualche

giorno di vacanze con le nostre famiglie in serenità .

La Car Tronic augura a tutti delle buone e spensierate vacanze , a goderci il nostro

meraviglioso mare , e magari gustare qualche prelibatezza della nostra cucina.

Buon divertimento ...

Ultimo aggiornamento (Giovedì 11 Agosto 2016 16:29)

 

Portata massima 3.200 kg!  Prezzo uguale per monofase e trifase


Il Ponte Sollevatore a 2 colonne della Car Tronic riporta delle colonne asimmetriche per permettere una superficie lavorativa maggiore, anche durante l´apertura del veicolo. I prodotti riportano degli appositi interruttori di fine corsa per fermarsi alla massima altezza di sollevamento minimo. Con questo tipo di elevatore si avrá una resa assoluta, infatti, la Car Tronic non ha nulla da invidiare alla propria concorrenza.

Il Ponte é costituito da materiali di prima scelta, appositamente selezionati dalla nostra equipe che comprova la pluriennale efficienza tedesca riconosciuta nei diversi stati europei in cui importiamo. Il peso, di netto superiore a quello dei prodotti concorrenti é indicatore del tipo di materiale utilizzato per la produzione dei nostri sollevatori. Nel possedere un Ponte 2 Colonne Car Tronic, ci si assicura condizioni di lavoro ottimali sia da professionista sia da privato! Questo viene reso possibile dal telaio che rende il processo sicuro e stabile. Le caratteristiche sono confermate dal peso totale dell´articolo che offriamo, 670 kg. In confronto ai modelli precedenti, il 2015 (appositamente aggiornato per andare incontro alle esigenze dei nostri clienti), ha allungato i bracci portanti, questo per coprire un margine più ampio di automezzi.

Prezzo offerta bloccato :

Trasporto ,montaggio,collaudo , tutta a … €.  2.450,00 iva esclusa ,

su tutta la gamma completa .

Altri modelli..........................................................................................................

Ponte a pantografo T.3,0 €.3.100,00 + iva .......................................................

Ponte mono colonna T.3,5  €. 3.540,00 + iva ..........................................

Ponte a colonne fissate T.3,2 €. 2.492,00 + iva ........................

Ponte a 2 colone T.4,5 €.2.574,00 + iva ...............................................







Ultimo aggiornamento (Giovedì 21 Luglio 2016 15:25)

 
Chi è online
 9 visitatori online
Sponsor By
Gli sponsor del Club:
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner